“FOOD FOR THOUGHT” by Elisabetta – 2E

foodMartedì 21 aprile scorso, noi ragazzi delle classi 2^E e 2^F, abbiamo partecipato all’attività “Food for Thought” nella quale alcuni esperti ci hanno presentato delle idee per seguire un’alimentazione sana e per evitare lo spreco del cibo che, al giorno d’oggi, è una delle emergenze a livello internazionale. Per cercare di risolvere questo problema, alcune associazioni più o meno grandi, si stanno impegnando per proporre delle strategie innovative per ridurre la fame nel mondo e per un futuro equo e sostenibile. Tra queste: Piacecibosano, un’associazione piacentina, Livewellforlife, un’associazione a livello europeo e in ultimo, ma maggiormente conosciuto ed importante, l’EXPO MILANO 2015: Feeding the Planet – Energy for Life (Nutrire il Pianeta – Energia per la Vita) che è il più grande evento mondiale sull’alimentazione.
Anche gli ospiti che hanno partecipato al progetto “Food for Thought” hanno parlato dell’EXPO, esprimendo la loro opinione e dandoci delle informazioni in più su questo avvenimento.
Il primo che ha parlato è stato l’agronomo Fabio Lodigiani, che gestisce un laboratorio di panificazione ed un negozio a San Nicolò, il quale ci ha presentato diverse tipologie di pane preparate con farine alternative a quella di Grano Tenero: Farro, Segale, Kamut, Grano Saraceno e altre.
In seguito la biologa Simonetta Covini, proprietaria dell’azienda agricola BIO l’Erbucchio di Santimento, ci ha illustrato l’importanza di leggere sempre le etichette prima di comperare un prodotto infatti, leggendole, si riescono a distinguere i cibi sani da altri che possono trarre in inganno facendoti credere di essere naturali.
Il signor Stefano Barabaschi, che possiede un’azienda agricola a Rottofreno, ha ribadito l’importanza di frutta e verdura a Km 0 e ha spiegato dei metodi per coltivare in modo biologico senza impoverire il terreno.
La biologa Elena Broglia che partecipa al laboratorio di cucina a scuola (all’interno del Progetto “Tra il Dire e il Fare”) e gestisce un blog, lo zibaldone culinario, su cui carica spesso fantastiche ricette, ha spiegato come ha coltivato la sua passione per la cucina e come ha imparato a usare prodotti BIO.
L’ultima ospite, la dott.ssa tecnologa alimentare Benedetta Callegari, ha iniziato la sua presentazione parlandoci dell’EXPO, della storia delle esposizioni universali e del tema scelto quest’anno; successivamente ha selezionato le nostre merendine (che erano state precedentemente raccolte in un cesto) prendendo solo quelle sane e mettendo nello scatolone del “JUNK FOOD” quelle da non consumare. Poi, su richiesta di una compagna, ci ha informati sulla dieta che deve mantenere uno sportivo, essendo lei stessa una pallavolista e infine avrebbe dovuto controllare i nostri “FOOD DIARY” ma non è stato fatto per mancanza di tempo. Ci ha lasciato però una copia della sua presentazione in PowerPoint con diverse slide che abbiamo poi letto in classe il giorno successivo.
Durante l’intervallo, c’è stata proposta una merenda alternativa molto sana e naturale, a base di pane portato dal signor Lodigiani (più tardi anche la pizza), di marmellata e di succo di frutta della signora Covini e dalla frutta (mele e fragole) e dalla verdura ( asparagi e carote) del signor Barabaschi.
La merenda è stata il nostro momento preferito…
Elisabetta Barani

One thought on ““FOOD FOR THOUGHT” by Elisabetta – 2E

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...